Onde d'urto extracorporee

Responsabile: Dott. Davide Tornese

Ambulatorio
Caposala

Sartore Antonella

Telefono

02.6621.41

 

Per prenotazioni di visite specialistiche e/o esami strumentali si prega di chiamare

dal Lunedì al Sabato dalle 8.00 alle 20.00 il numero  02.35968181

 

  • EQUIPE
  • ATTIVITÀ CLINICA

    Le onde d’urto focalizzate sono una terapia fisica introdotta in ambito ortopedico-riabilitativo alla fine degli anni 90. Con il termine di onda d’urto si indica un impulso pressorio caratterizzato sul fronte di avanzamento da una pressione che in nanosecondi si eleva da quella atmosferica alla sua massima ampiezza (10-100 Mega Pascal). A seconda della densità di energia impiegata è possibile ottenere un effetto analgesico (riconducibile a diverse ipotesi quali gate control, rilascio locale di endorfine, inibizione di nocicettori) ed antiinfiammatorio (per effetto di un wash-out circolatorio legato all’incremento della densità capillare locale).

    Le principali indicazioni alle onde d’urto sono rappresentate dalle tendinopatie inserzionali, tendinopatia calcifica della cuffia dei rotatori della spalla, sindrome da conflitto sub-acromiale, epicondilite omerale laterale e mediale del gomito, borsite trocanterica, spina sottocalcaneare dolorosa, ritardi di consolidamento e pseudoartrosi. Eventuali indicazioni aggiuntive vengono individuate dal medico specialista.

    Le principali controindicazioni alla terapia sono rappresentate da disordini della coagulazione, epilessia, infezioni osteo-articolari, patologie tumorali, presenza di pace-maker.

    La seduta di onde d’urto viene effettuata dal medico sotto guida ecografica ricercando le zone di dolore. Viene effettuato un ciclo di 3 sedute a cadenza settimanale e la durata di ciascuna varia tra i 6 ed i 9 minuti a seconda di sede di trattamento e densità di energia impiegate. Il dolore indotto durante la seduta non è tale da richiedere l’anestesia locale che peraltro si è dimostrata controproducente ai fini del successo terapeutico.

    Lo scopo del trattamento è quello di ridurre la sintomatologia dolorosa e più in generale il quadro infiammatorio locale agendo come fattore ottimizzante il terreno sul quale andrà ad agire il programma riabilitativo.

    Raramente possono osservarsi ematomi, escoriazioni ed edema legati all’effetto meccanico della terapia, acutizzazione del dolore, iperpiressia, lesioni miotendinee.

    La percentuale di successo totale o parziale della terapia è compresa tra 60% e 80% a seconda di patologia trattata ed anamnesi.

  • ATTIVITÀ AMBULATORIALE

    Le sedute di onde d’urto sono previste nei giorni di martedì e mercoledì dalle ore 8.30 alle 13.30

  • ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA

    Nel corso dei periodi di frequentazione presso il reparto di Riabilitazione Sportiva dei medici specializzandi delle scuole di Medicina dello Sport e Medicina Fisica e Riabilitazione vengono effettuate lezioni didattiche inerenti la terapia garantendo inoltre la possibilità di assistere alle sedute di onde d’urto.

X