Galeazzi e Unimi insieme al GISM per uno studio legato all’osteoartrosi

È stato presentato, al meeting annuale del GISM - Gruppo Italiano Staminali Mesenchimali, tenutosi a Genova il 4 e 5 aprile scorsi, il poster dal titolo “Intraplantarly/intravenously injected secretome from human adipose mesenchymal stromal cells reduce thermal and mechanical hyperalgesia in the monosodium-iodoacetate osteoarthritis model in mice”, frutto di una collaborazione tra l’Università degli Studi di Milano (Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Dipartimento di Scienze Biomediche Chirurgiche e Odontoiatriche) e l’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi (Laboratorio di Applicazioni Biotecnologiche e Servizio di Istologia).

Tra gli autori dello studio figuravano giovani ricercatori come Giorgia Moschetti e Giada Amodeo per l’Università di Milano e Stefania Niada con Paolo Savadori per l’istituto Ortopedico Galeazzi.

Il poster è stato selezionato tra i migliori lavori del convegno per il quale la dottoressa Moschetti, dottoranda del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari e primo autore del poster, ha ricevuto lo Young Investigator Awards 2019.

I dati preliminari presentati, ottenuti in un modello preclinico di osteoartrosi, hanno suggerito la possibilità di utilizzare il secretoma di cellule staminali/stromali mesenchimali umane da tessuto adiposo per alleviare il dolore associato al danno articolare. Con questa ricerca si pensa di poter, in futuro, sviluppare un approccio terapeutico innovativo per trattare il dolore in pazienti osteoartrosici. 

X